Io ho cura 3

 

 

“La cura è una pratica

che s’impara

con la pratica”

 

Ringraziamo la rete delle scuole di pace per averci dato l’opportunità nel mese di ottobre 2021 di poter aderire al Programma nazionale di cura “Io ho cura 3” collegato ai percorsi  trasversali di Educazione Civica. Le attività dedicate ci hanno consentito di vivere la cura come un’esperienza di grande cambiamento personale, capace di migliorare la realtà che ci circonda. 

Partendo dall’idea di osservare con un nuovo sguardo il mondo intorno a noi e rispondendo concretamente a chi ne aveva più bisogno, noi ragazze e ragazzi  delle classi 1 BU e 2 BU del Liceo delle Scienze Umane abbiamo scelto di mettere al centro delle nostre esperienze di cura le persone di varie età, gli alunni in difficoltà nelle scuole primarie e il nostro territorio. 

Siamo fermamente convinti che per diventare dei buoni cittadini sia necessario vivere da protagonisti e, come diceva John Dewey, imparare ad esserlo nella prima comunità democratica che è la scuola.

 

Abbiamo intrecciato le esperienze di cura nella scuola primaria con l’attività della Leva Civile che opera dal 1999 sul territorio di Mogliano Veneto.

Il termine Leva non ha un significato militare ma indica l’azione di “fare leva”, risollevare gli alunni  dalle difficoltà di apprendimento.

Le nostre esperienze di cura ci hanno aiutato a comprendere quanto la forza della cura rappresenti un autentico strumento di pace di fronte al difficile periodo di pandemia e di guerra che stiamo ancora vivendo.

 

3 commenti
  1. Paola Nicolai
    Paola Nicolai dice:

    Insegno da trenta anni, per più di quaranta sono stata impegnata nel volontariato; credo non ci siano percorsi più formativi di quelli in cui si è chiamati a prendersi cura di qualcuno. Per un giovane, assumersi la responsabilità di un minore da aiutare significa aprire occhi e orecchie sul mondo, sperimentare le proprie attitudini, sviluppare capacità, definirsi identitariamente dentro una comunità, trovarsi degno di stima e considerazione. E significa creare legami al di là dei consueti confini generazionali. Mi congratulo con chi ha reso possibile questa esperienza: la rete delle scuole di pace, la Leva Civile di Mogliano, il liceo Berto. Soprattutto esprimo la mia ammirazione ai ragazzi, che trovano ogni volta modi nuovi, creativi e gioiosi per stupire noi adulti. BRAVI

    Rispondi
  2. Alessandro Giordano
    Alessandro Giordano dice:

    Quello che le vs 2 classi hanno sperimentato (poi attuato) è degno di lode.
    Impararlo da giovane è meglio ( quasi) che farlo in età un pò più avanzata”.Avanti così quindi… Bravi

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi a Alessandro Giordano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *